L’Estate secondo l’Ayurveda

L'estate è sempre una stagione attesa, agognata durante i rigidi mesi invernali e rimpianta quando volge al termine, dando avvio ad un nuovo periodo lavorativo.
Ma l'estate è anche sinonimo di temperature elevate, sudorazione, stress proveniente dall'ambiente che provoca malesseri di varia intensità e tipologia: sfoghi cutanei, acne, ulcera peptica, tachicardia, iperattività, diarrea, invecchiamento cutaneo prematuro e altri disturbi emozionali come irritazione, nervosismo, rabbia, frustrazione.
Il sole assorbe energia, la potenza delle radiazioni solari fa perdere molti liquidi di conseguenza, ci indebolisce. Le giornate s'allungano e le ore di riposo si riducono, il corpo non riesce a ricostituire le sue riserve d'energia, questo fenomeno fisiologico può essere bilanciato da una vita più sana e all'aria aperta.
Secondo i cicli dei dosha basati sulle stagioni, l'estate è considerata una stagione Pitta, dove le energie del fuoco e dell'acqua sono dominanti. Per evitare che il dosha Pitta si manifesti in eccesso affliggendo il corpo in diversi modi, la saggezza Ayurvedica propone importanti consigli legati all'alimentazione e allo stile di vita.

L'alimentazione


Innanzitutto l'alimentazione che parte da una dieta basata su cibi rinfrescanti e dolci, come frutta e verdura, riso e orzo, ghee, soia verde e legumi freschi, noci di cocco, cetrioli, melone e anguria. Meglio evitare carni rosse, insaccati, formaggi stagionati, cioccolato, miele, pietanze elaborate e ricche di condimento, spezie molto piccanti, gusti troppo salati o aspri.
È consigliabile prediligere spezie e condimenti "morbidi" e rinfrescanti, come curcuma, cannella, coriandolo, cardamomo, finocchio e menta.
L'organismo va idratato con acqua, succhi di frutta fresca, latte di cocco o di riso da sorseggiare lentamente e con calma. Sono consigliate anche le bevande calde come tè e tisane perché aiutano a mantenere la temperatura corporea costante limitando la traspirazione, mentre sono da evitare le bevande gassate.
È necessario durante l'estate ridurre gli alcolici che creano vasodilatazione ed eccessiva traspirazione cutanea e la caffeina che aumenta il riscaldamento corporeo.
Gli alimenti che aggravano Pitta sono il peperoncino, le melanzane, i pomodori, l'aglio, lo zenzero essiccato, il pepe nero, la frutta secca, gli alimenti fermentati, gli alimenti altamente speziati e piccanti, le proteine pesanti, l'olio di mostarda e la melassa.
La colazione è il primo pasto del giorno che rompe il digiuno notturno, perciò dobbiamo assicurarci che essa sia lenitiva per il sistema digestivo. Una grande opzione sono i fiocchi d'avena immersi nel latte di mandorla, poiché sono gentili per la digestione.
Anche la frutta dura di stagione come le pesche nettarine o le albicocche rappresentano un'ottima scelta. La cena dovrebbe essere il pasto più leggero perché la digestione nel nostro corpo inizia a rallentare. Le qualità anti-infiammatorie e curative delle verdure cotte al vapore e delle erbe fresche apportano un'ulteriore azione rinfrescante.
L'alimentazione è importante ma non rappresenta l'unica precauzione durante il periodo estivo, è possibile avvalersi di alcuni accorgimenti riguardo allo stile di vita.

Stile di vita


La tipologia di movimento migliore in questo periodo è naturalmente quella a contatto con l'acqua: nuotare o passeggiare in mare aiuta il corpo a rinfrescarsi e a riattivare la circolazione. L'esposizione al sole è benefica per la pelle e per l'organismo, stimola un principio energetico che incoraggia la creatività e la gioia. La tradizione consiglia di effettuare una passeggiata al sole di 10/15 minuti, evitando le ore più calde della giornata.
I raggi solari promuovono la produzione di vitamina D da parte dell'organismo, necessaria per fissare il calcio ed ottenere ossa più forti.
È consigliabile proteggersi dal sole nelle ore più calde della giornata onde evitare scottature ed evitare ogni tipo d'attività fisica intensa (eccetto il nuoto) nelle ore centrali.
Si devono prediligere luoghi freschi, ombrosi, con una leggera brezza, molta vegetazione e laghi o corsi d'acqua.
Anche le passeggiate al chiaro di Luna sono calmanti per Pitta.
La moda può essere d'aiuto, indossare alcuni colori può favorire il benessere durante i mesi più torridi: il bianco, il verde, il turchese ed il blu rinfrescano la pelle dopo un'eccessiva esposizione al sole, mentre sono da evitare i colori eccessivamente forti e brillanti.

Esperienze correlateVedi tutti